mammelle-tuberose

Cosa sono le mammelle tuberose

Nell’articolo odierno esamineremo una delle malformazioni delle mammelle forse più nota: quella delle mammelle tuberose. Scopriamo insieme in cosa consiste e come può essere migliorata.

Le mammelle tuberose

Molte donne si ritrovano a dover fare i conti con un seno altamente insoddisfacente dal punto di vista estetico e con un’alta insoddisfazione di sé. Una delle maggiori problematiche è quella relativa a un seno che possiede la forma di un tubero, il che, da un punto di vista estetico e armonico, costituisce certamente un punto in meno e, a volte, grave imbarazzo.

Le mammelle tuberose (o, come si chiamano in area anglofona “Snoopy Breast”) vengono così nominate perché la loro forma assomiglia proprio a quella di un tubero, il più famoso dei quali lo possiamo individuare facilmente nella patata. Esattamente come la patata, questa particolare tipologia di seno presenta una forma allungata, quasi cadente.

Ma entriamo più nello specifico e cerchiamo di analizzare in breve come sono fatte queste mammelle tuberose. Il punto di partenza è, ovviamente, la base d’impianto, che si presenta agli occhi come stretta e con il polo inferiore dalla forma rettilinea e, allo stesso tempo, retratto. Nella maggior parte dei casi le due mammelle appaiono molto distanziate fra loro, lasciando ampie zone del torace visibili.

Il solco sottomammario è solitamente più alto della norma e, nel complesso, entrambe le mammelle tuberose hanno un aspetto generale rilassato, il più delle volte cadente. Può capitare che il seno sia anche molto piccolo e che la malformazione colpisca soltanto una delle due mammelle, rendendo evidentissima l’asimmetria e, di conseguenza, il grave inestetismo.

Le mammelle tuberose, comunque, non compaiono tutte con lo stesso grado di deformità. Ci possono essere casi più seri e, invece, problematiche meno pesanti Per entrambe, comunque, la soluzione non deve essere la mera sopportazione del problema,  che potrebbe portare a gravi problematiche psicologiche in virtù della non accettazione di se stessi.

Per ovviare alle mammelle tuberose è dunque consigliabile la chirurgia plastica estetica che provvederà a ridare armonia e bellezza a un seno poco gradevole. Le vie da seguire per l’operazione sono molte, ma tutto dipenderà dall’esperienza e dalle capacità del chirurgo.