lifting-degli-arti

Lifting degli arti: le braccia

Lifting degli arti: oggi vedremo in cosa consiste l’intervento specifico sulle braccia.

Lifting degli arti: le braccia

Nella chirurgia estetica del corpo umano, non necessariamente il medico dovrà operare su larghe zone. Può capitare, infatti, che il paziente sia insoddisfatto di una singola zona e che decida di farsi operare per migliorare anche un piccolo particolare. Abbiamo visto in un precedente articolo che è possibile operare tramite il lifting delle cosce e, allo stesso modo, il chirurgo può intervenire nella zona inerente alle braccia.

Un fattore da tenere in alta considerazione è l’aspetto psicologico del paziente tipo. Chi non si sente a proprio agio nel suo corpo è una persona scontenta, che tende a deprimersi e a vedere tutto nero. Non sentirsi a proprio agio nei rapporti con gli altri può essere un deterrente per stringere nuove amicizie e per aumentare la propria vita sociale. È in un contesto come questo che interviene la chirurgia estetica, migliorando quelle zone del corpo che hanno qualche difetto e di cui il paziente si vergogna. Tutto ciò avviene anche nella zona delle braccia.

Lifting degli arti: perché le braccia perdono tono

Visto che molte persone decidono di sottoporsi a un intervento del genere, è bene approfondire la questione inerente al tono muscolare delle braccia. Perché i tessuti a volte risultano flaccidi e non estetici? Le cause possono essere diverse.lifting-degli-arti

Il caso più comune è quello dell’invecchiamento. Con l’andare degli anni, infatti, i tessuti del corpo umano tendono gradualmente a perdere tono e a divenire più molli e flaccidi, causando degli evidenti inestetismi della pelle. Grazie al lifting degli arti, il chirurgo plastico provvederà a intervenire eliminando tutto il tessuto adiposo in eccesso e, contemporaneamente, a tonificare la pelle delle braccia.

Se il tessuto adiposo è localizzato alla radice dell’arto, la cicatrice verrà localizzata all’altezza dell’ascella e, dunque, non sarà affatto visibile da terzi. Se invece la flaccidità e la mollezza del tessuto è localizzata lungo tutto il braccio, il chirurgo dovrà applicare due tagli, verticalmente e medialmente. Nonostante le cicatrici siano due, se il paziente  viene correttamente informato sulla loro presenza, sicuramente le accetterà di buon grado, a fronte di un miglioramento sensibile della zona operata.