otoplastica

Otoplastica: le complicanze

Nell’articolo odierno vedremo quali sono le possibili complicanze relative all’intervento di otoplastica, necessario per rimodellare orecchie antiestetiche o a sventola.

Otoplastica: le possibili complicanze

Quando un paziente si reca da un chirurgo plastico, lo fa per migliorare la propria situazione estetica. Nel caso dell’otoplastica il problema in genere è piuttosto grave: quello delle orecchie a sventola. Un orecchio di questo tipo è chiaro che può pregiudicare l’economia intera di un volto, anche se questo è esteticamente valido. Se una paziente ha dei bei lineamenti in generale è davvero un peccato che il proprio viso sia rovinato da un inestetismo come quello delle orecchie a sventola. Per questo motivo, quindi, è necessario che si faccia ricorso all’otoplastica.

Quali potrebbero essere le complicanze più frequenti? Un caso particolarmente interessante è quello della cattiva cicatrizzazione in seguito alle incisioni. Potrebbe capitare, infatti, che le cicatrici abbiano una deriva ipertrofica o cheloidea. In questo caso un primo passo da seguire è certamente la cura cortisonica, da eseguire in ambito locale e tramite delle iniezioni. Ovviamente, comunque, la cicatrice è sempre posta nella zona posteriore del padiglione auricolare e dunque praticamente invisibile.

Oltre alla cattiva cicatrizzazione delle incisioni, comunque, a seguito dell’otoplastica potrebbero sorgere anche altri problemi. In alcuni casi (assai rari, a dir la verità), potrebbe accadere che le orecchie operate tornino in una posizione comunque non soddisfacente per la paziente. Anche in questo caso non ci troviamo di fronte a un errore del medico chirurgo ma semplicemente a un assestamento imprevedibile dell’epidermide.

Se dovesse accadere una cosa del genere non ci sono molte vie alternative: l’unica strada è quella del classico intervento di ritocco volto a migliorare la situazione. Questa sarà dunque una correzione secondaria al primo intervento di otoplastica necessaria per riportare nuovamente le orecchie in una posizione diritta. L’intervento si svolgerà in anestesia locale.

Come è stato possibile verificare in questo articolo informativo, dunque, i possibili rischi sono assai pochi. I vantaggi dell’otoplastica saranno invece innumerevoli: orecchie esteticamente più belle, un volto armonico, una nuova consapevolezza di se stessi e la sensazione di essere finalmente a posto con gli altri.