mentoplastica

Mentoplastica: i principali difetti

Quali sono i principali difetti fisici che un intervento di mentoplastica può definitivamente eliminare? Scopriamoli assieme tramite questo articolo informativo.

Mentoplastica, i principali difetti

Come sappiamo benissimo, il volto di una persona è certamente l’aspetto più importante e che salta all’occhio per primo. Nello specifico, un mento equilibrato e dalle giuste proporzioni è considerato un importante indice di bellezza. Negli uomini avere un mento esteticamente valido è considerato un elemento di grande virilità, mentre nelle donne appartiene invece alla sfera della grazia. Due aspetti che chi tiene alla sua immagine non può certamente ignorare.mentoplastica

Un primo difetto, molto grave, è certamente quello che viene chiamato mento sfuggente. In persone che purtroppo hanno questa spiacevole caratteristica il mento sembra letteralmente sfuggire all’indietro, allungandosi verso il basso. E’ per questo motivo che i pazienti che hanno il mento sfuggente spesso assumono una forma del viso molto allungata e antiestetica, quasi equina.

In altri casi, il mento può essere estremamente prominente. In questo caso viene definito ‘mento da strega‘ e il  chirurgo plastico agirà grazie a un intervento di mentoplastica riduttiva. L’obiettivo di tale operazione è facilmente intuibile: contenere il più possibile e appunto ridurre un mento che sporge troppo in avanti e che ha l’effetto di rendere sproporzionata l’economia generale di un volto.

Mentoplastica, le altre patologie

Questi sono certamente i difetti che balzano immediatamente all’occhio di chi ci osserva ma non sono  gli unici, anzi. Purtroppo l’essere umano presenta un’ampia gamma di difetti che però possono essere brillantemente risolti sempre con una mentoplastica o, in alcuni casi, con una profiloplastica.

Tra i più evidenti sottolineiamo il classico ‘doppio mento’, dovuto in questo caso a un eccesso di tessuto adiposo, oppure un mento troppo spigoloso e a punta. Ancora, molte persone presentano una fossetta troppo pronunciata; se negli uomini questo è piuttosto normale (anzi, a volte può essere percepito anche come un ‘pregio’) nelle donne è chiaramente un difetto che deve essere corretto.

Altri casi ancora prevedono un mento addirittura asimmetrico. Tutte queste possibili ipotesi possono essere corrette tramite un semplice intervento di mentoplastica. Perché dunque convivere ogni giorno con l’insicurezza di se stessi quando la chirurgia può migliorare le cose?