dermoabrasione-intervento

Dermoabrasione intervento: peelings superficiali e profondi

Dermoabrasione intervento: vediamo assieme come si svolgono e che esiti hanno il peeling superficiale e il peeling profondo. 

Dermoabrasione intervento: peeling superficiale

Un problema molto comune tra gli adolescenti è quello dell’acne. Purtroppo molto spesso accade che l’acne lasci dei segni permanenti sulla pelle del giovane o della giovane, con esiti cicatriziali che influiscono sull’equilibrio psicologico del paziente: la persona si sente colpita in un punto molto delicato del suo essere, il viso, e non ha la possibilità di difendersi dato che il volto non può essere coperto.

In questo caso può intervenire la dermoabrasione, anche se è bene dire che la sua azione è sempre parziale e mai definitiva: purtroppo i segni che l’acne lascia non possono mai essere eliminati del tutto. dermoabrasione-interventoDetto questo, però, ci si può rivolgere ad un chirurgo estetico per curare delle piccole rughe superficiali del viso e delle mani, per ridare tonicità alla cute, oppure per migliorare la qualità di una pelle rovinata dall’acne.

Un peeling superficiale, ad esempio, può essere svolto grazie all’azione dell’acido glicolico, oppure dell’acido lattico e interviene proprio in queste situazioni-tipo. Un peeling intermedio, invece, denominato TCA, è l’ideale per eliminare quelle rughe del volto che sono meno profonde, oppure delle macchie o delle piccole cheratosi.

Dermoabrasione intervento: peeling profondo

I peelings profondi derivati del fenolo possono essere usati a varie concentrazioni a seconda del problema specifico che il chirurgo andrà ad affrontare. Essi permettono di eliminare le rughe più profonde del volto, rimodellare completamente la cute, togliere le macchie, anche quelle più estese, le lesioni precancerose e migliorare nel limite del possibile gli esiti adolescenziali da acne.

Mentre il trattamento con peelings superficiali o intermedi non richiede da parte del chirurgo alcun tipo di anestesia,  i peelings profondi hanno bisogno di un’anestesia locale e vengono effettuati in day hospital, ossia con ricovero in clinica.

L’acne, in ogni caso, potrebbe anche essere trattata anche con il laser a CO2, che conferisce risultati migliori rispetto al laser Herbium. In entrambi i casi, comunque, prima del trattamento peeling viene applicata una pomata anestetica oppure viene praticata una piccola anestesia locale.