chirurgia-funzionale-del-naso

Chirurgia funzionale del naso: informazioni generali

Chirurgia funzionale del naso: vediamo insieme quali sono le informazioni generali riguardo a questa serie di interventi estetici.

Chirurgia funzionale del naso: informazioni generali

La chirurgia funzionale del naso è un termine che racchiude, nello specifico, tre particolari interventi nettamente distinti fra di loro. Essi si rendono necessari quando c’è una evidente ipertrofia dei turbinati, una deviazione del setto nasale o sono presenti dei polipi nasali. In tutti e tre questi casi è possibile l’intervento chirurgico che non rappresenta un miglioramento estetico ma semplicemente una correzione funzionale di determinati difetti inerenti alla respirazione.

Questo suo aspetto assolutamente pratico, però, non esclude il fatto che il chirurgo plastico possa intervenire anche sull’estetica generale del naso del paziente. Cosa significa? La chirurgia funzionale del naso non elimina de facto la rinoplastica o la profiloplastica: esse potrebbero in taluni casi esservi associate se il paziente presenti anche diversi inestetismi estetici. In parole povere, una cosa non esclude l’altra.

Chirurgia funzionale del naso, la visita specialistica

chirurgia-funzionale-del-nasoPrima di sottoporsi a uno dei tre interventi relativi alla chirurgia funzionale del naso (nello specifico, settoplastica, chirurgia dei turbinati e chirurgia dei polipi nasali) è assolutamente necessario che il paziente si sottoponga a una visita specialistica con il chirurgo plastico, eventualmente supportato anche dall’otorino per problemi relativi all’attività respiratoria.Durante la visita si studia il caso con  un’attenta valutazione di tutti i difetti, anatomici e non, presenti nel naso del paziente.

Prima di intervenire in zone così delicate del corpo umano, è bene sapere fin da subito che esiste un’età consigliata per sottoporsi all’operazione chirurgica. Questo range d’età differisce leggermente da uomo a donna. Mentre in una donna la fine dello sviluppo delle strutture ossee e cartilaginee avviene intorno ai 15 – 16 anni, nell’uomo questo avverrà leggermente dopo. Solitamente tutto ciò accade tra i 16 e i 17 anni , a partire dai 18 anni possiamo essere sicuri che le strutture facciali siano stabili e si può eseguire la rinoplastica.

Una volta che il chirurgo plastico avrà terminato la visita specialistica, discuterà con il paziente se aggiungere o meno altre operazioni quali la rinoplastica oppure la profiloplastica. Sarà cura del chirurgo, in ultima analisi, rendere edotto il paziente riguardo ai risultati reali delle operazioni, al fine di evitare aspettative irrealistiche.